Eugenio in Via Di Gioia, frasi belle da condividere

Le frasi più belle di Eugenio in Via Di Gioia su speranza, crescita e futuro

Come un bambino appena nato Come un pazzo che è scappato al manicomio Ha appena smesso di piangere Io voglio sentirmi appagato In continuo divenire Una ruota che continua a girare E ritornare l’ultima parte di tutto (Nuvola)

E guarda, il caso ha voluto che fossimo salvi, ma salvando ha sovrascritto sul file precedente. Prima di noi non è rimasto più niente (Lettera la prossimo)

I grandi voglion diventare sempre un po’ più grandi, ma crescere per crescere è una trappola (Filastrocca per grandi)

La speranza di vita cresciuta a tal punto da non essere un problema. La sopravvivenza, allora, bisognerà trovare un modo per eluder questa nostra resistenza alla morte: qualcuno sceglierà le epidemie, qualcun altro la depressione, chi la fame, chi il diabete, chi il tuffo dal balcone (La punta dell’iceberg)

Parla con tutti anche quando non vuoi, la solitudine è una patologia, i giovani un pericolo, non certo una risorsa. Ti sorpasseranno. Il presente è un treno che va via (Altrove)

Eugenio in Via Di Gioia, frasi su amore e nostalgia

L’aria spinge, mi porta a lasciare la presa, ma resto aggrappato. Un senso mi hai dato e continuo a girare. Io non voglio mollare (Chiodo fisso)

Sei qui vicino, ma siamo chilometri distanti, un arcipelago di isole separate ma comunicanti. Sono solo, tremendamente solo (Giovani illuminati)

Se vuoi, da un giorno all’altro, te ne vai, tipo un’offerta di lavoro via mail. Ti sposi e voli a Dubai, vita dinamica, molto carina, senza gli orari, senza cucina, cena d’asporto, una piadina (Quarta rivoluzione industriale)

Si spengon le luci, rimaniamo noi. Che cosa avremmo fatto se non ci fossimo incontrati qui, seduti per terra, a pensare che poi alcune strade si dividono e chissà dove vanno (Tornano)

Terra, perché un posto più bello non c’era. Pronto a tutto per riaverti, anche a fare la guerra. Ma che dico, non sono il tipo. Tu, così naturale, perfetta ed essenziale Non cerchi clamore, sei musica senza parole (Terra)

Canzoni Eugenio in Via Di Gioia, altre frasi da condividere dai testi del gruppo

E tu, che ti senti un cerchio perfetto in un piano infinito, sali le scale per scoprire cosa c’è lassù, ma non ti stai muovendo, stai cambiando solo piano piano. Tu non stai cercando (Cerchi)

Probabilmente anch’io andrei in centro, in cerca di una camicia, perché essere sé stessi è appagante, ma essere sani costa fatica (Sette camicie)

Siamo figli di Steve Jobs e del T9, siamo Lego in mezzo al traffico di Playmobil, siamo strade pulite sotto un cielo Pantone, campi sintetici, calzini bianchi di cotone (Tsunami)

Si incontrava con la notte per scrivere poesie, ma le rime, già sentite, suonavan litanie. E parlavano di storie, di gente comune, descrizioni, difetti e disgrazie opportune (Egli)

Un treno ad alta velocità senza piani estivi, piogge interiori e nuvole mentali, gli Smiths scorrono, mi fermo al finestrino. La mia casa: una stazione. La mia vita: una partenza (Camera mia)